Finalmente un prato, un albero, i grilli, le coccinelle, i piedi nudi, e qualche pennellata per annullare i troppi pensieri, e tornare a dipingere da viva <3

Avevo bisogno di una dose del mio Prozac, o Xanax… il calicino serale (che a volte è diventato pure una coccola del pranzo 🙄 …) non bastava più… così ho lasciato da parte i Mostri, e ho messo al volo nello zaino il Moleskine, e la tavolozza più piccola, e ho cercato un prato… un luogo che mi desse quiete.

tavolozza, colori, acqua, pennelli

Una volta l’Eremo di Ronzano era un luogo “segreto”, e poco conosciuto, tanto che ben 15 anni fa, quando vi facevo una settimana estiva di silenzioso ritiro di yoga e meditazione, anche in agosto non si vedeva quasi mai nessuno a parte noi “praticanti”. Sotto quei pini stendevo il tappetino da yoga, nel fresco delle sere d’estate, lottando tra moschine e zanzare, e sdraiandomi in ascolto del respiro, guardavo il cielo azzurro immaginandomi lontanissima, mentre ero a due passi da Bologna.

Ora, le poche volte che torno, magari a piedi da Villa Ghigi, lo trovo sempre affollato… troppo, forse, per i miei gusti ancora eremitici, e per i miei ricordi di ritiri silenziosi.
Auguro a quel viale di cipressi antichi che siano sempre più persone rispettose e sensibili della sua storia ( i frati Gaudenti…) e del suo silenzio, quelle che ora li vanno a trovare-

Ho già dipinto altre volte i 2 pini in fondo al pratone, davanti alla vigna, ma come ho già raccontato in altri articoli, mi piace rifare lo stesso soggetto a distanza di anni per osservare me, e come è cambiato il mio modo di dipingere e “vedere”, oltre che ritrarre il soggetto…
Quando insegnavo acquerello (credo che a breve riprenderò 🙂 ) mi affascinava sempre osservare cosa e come gli allievi avevano scelto di rappresentare o raccontare ciò che avevano di fronte… mi arrivava molto di loro.

E vale lo stesso anche per me.

acquerello del pino di Ronzano
acquerellando il pino sul Moleskine delle gite

 

Ho fatto la matita piuttosto velocemente, e ho cercato di fermare le ombre: il sole alle mie spalle stava calando in fretta, e stavano per sparire i giochi di luce, sotto la chioma e sul tronco, che mi avevano colpita.

All’inizio c’erano due persone ai suoi piedi… alla fine se ne erano andate, ma io le avevo scarabocchiate, e mi piacevano…

acquerellando il pino dell'eremo
acquerellando il pino dell’eremo…

 

Ci sono acquarellisti che hanno un sacco di pennelli: piatti, tagliati, a spatola, tondi… che fanno effetti che amo tantissimo. Li ho tutti!  e mi riprometto sempre di inserirli nel miei “tools”… poi alla fine uso un solo pennello per tutto l’acquerello, e ogni volta mi rammarico che… “con l’altro pennello sarebbe sicuro venuto meglio…”.
(Lo metto nei prossimi obiettivi: usa tutti i miliardi di pennelli da cleptomane che possiedi 😳 )

 

finalmente a piedi nudi
finalmente a piedi nudi

 

Stavolta allego un piccolo filmato, (si ringrazia la regia 🙂 ).

 

 

 

E niente… ogni volta mi ripropongo di tornare a dipingere dal vivo, più spesso che posso.

Dipingere la realtà è completamente diverso che disegnare di fantasia… ma fare proprie le forme della natura, i gesti di un pino in questo caso, ci permette di arricchire sempre di più il mondo immaginifico a cui attingiamo quando inventiamo,  e siamo ad occhi chiusi…

concentratissima sul taccuino…sole ormai sceso alle spalle

 

 

 

Comments

comments

Leave a Comment

Your email address will not be published. Marked fields are required.