..sotto al letto...

Procedono le piccole meditazioni sui mostri, e le illustrazioni che ne emergono… o forse il contrario? …poco importa… tanto i Mostri ci inseguono da quando eravamo piccoli e stavamo attenti ad appoggiare i pedi a terra, di notte, perchè da sotto il Buio del letto potevano spuntare mani terrificanti che ci afferravano le caviglie…

 

Da allora abbiamo continuato ad incontrare mostri, di tutti i tipi… anche da grandi. Anzi… forse ancora più spaventosi.

Come ho raccontato nell‘articolo precedente questo periodo ha dato a tutti l’opportunità di incontrarne di tutti i tipi: i mostri di Gruppo (come la paura di morire o soffrire, la paura di non farcela economicamente, la paura di essere manipolati…ecc.) e i nostri Mostri Personali. I quali hanno spesso fatto una interessante combriccola…

Da tempo leggo e approfondisco il tema dell’Ombra (che sia pittorica, o metaforica, o psicologica), sia leggendo a riguardo che facendo spesso due chiacchiere con la mia (…le mie… ahimè!!! 🙄 ).
Mi ha sempre affascinato la teoria della proiezione dell’ombra di Jung (perdonate eventuali inesattezze nella mia esposizione) : tutto ciò che in me ho rimosso, o non accetto, o di cui non sono consapevole… lo proietto fuori di me, su eventi o persone.
Nel momento in cui mi accorgo del meccanismo, ritiro la proiezione… mi accorgo che quello che vedevo fuori (magari qualche cosa che etichetto come”brutto” o inaccettabile) è in realtà una parte di me… e me ne riapproprio. Non certo senza difficoltà… sigh. (nda: motivo per cui schiviamo l’oliva la maggior parte delle volte…)
Trovo questa cosa molto ecologica, tra l’altro (ho sempre pensato che se tutti lo facessimo… se ognuno desse Casa ai propri mostri, ed Ombre, in giro ce ne sarebbero molti meno, così arrabbiati, selvatici, e che si dan man forte…).

Questo processo (individuazione) mi porta a diventare “più me stessa”, più intera, ad avere addirittura i miei mostri come alleati.

La cosa divertente, e che ci rasserena sul fatto che andremo a caccia di mostri tutta la vita,  è che molti mostri sono Mutaforma, ci pare di averli riconosciuti…  ma loro cambiano aspetto, e si ripresentano come la peperonata riscaldata.

 

Oggi ho lavorato su questa frase (ne ho collezionate tante, e spero di illustrarne ancora un po’), che stava proprio bene con il tema della proiezione dell’Ombra:

“smettiamo di cercare i mostri sotto al letto quando realizziamo che sono dentro di noi” (Anonimo, forse Stephen King)

 

la mia Ombra
…la mia Ombra…

Qui ho fatto un piccolo video devo vi mostro il quaderno dei mostri e questa ultima piccola meditazione.

 

https://youtu.be/cZH2uPOV8MU

Grazie come sempre a chi dedica qui un po’ del proprio tempo … a chi ascolta le mie illustrazioni, a chi le sente… anche loro vi ringraziano.

non sono sotto al letto...
non sono sotto al letto…

Comments

comments

Leave a Comment

Your email address will not be published. Marked fields are required.